2016-OTS2 foto - cedifop

Vai ai contenuti

Menu principale:

2016-OTS2 foto

Foto
Centro Studi C.E. DI FO.P.
Certezza di qualità e professionalità al servizio dell'utente

Foto dal corso libero n. 2015/CL/1147 per la certificazione OTS
"OPERATORE TECNICO SUBACQUEO SPECIALIZZATO"
Settembre/Dicembre 2016 - Palermo  
 
 
Attività formative del CEDIFOP
Percorsi formativi secondo standard IDSA, HSE ed IMCA

Percorso per il livello di BASSO FONDALE/HARBOUR DIVER

  1. CORSO OTS (durata 480 ore / 20 allievi max per corso)
  2. CORSO IDSA LEVEL 2 (tipo OTS SALDATORE SUBACQUEO) (durata 160 ore/15 allievi max per corso)
  3. CORSO TOP UP (durata 120+40 ore/10 allievi max per corso)
  4. CORSO IMCA per DIVER MEDIC – (durata 60 ore/10 allievi max per corso)

                    

Foto dai corsi per  la qualifica di:
"OPERATORE TECNICO SUBACQUEO SPECIALIZZATO" 
Corso valido per l'iscrizione al registro SOMMOZZATORI del Ministero dei Trasporti, presso una capitaneria di Porto in Italia,
sul territorio nazionale, per il rilascio del Libretto di Ricognizione
Nessun attestato per O.T.S. rilasciato da scuole che NON siano (attualmente) Full Member IDSA
è valido o equivalente ad attestati rilasciati da scuole IDSA, spendibile nei percorsi certificati IDSA,
cioè valido per la partecipazione ai corsi di "OTS Saldatore Subacqueo", "TOP UP" o "Altofondale" del CEDIFOP
cosa sono gli standard IMCA - IDSA - HSE?
Atto Camera dei Deputati 
Proposta di legge: BERGAMINI n. 2751
"Disciplina delle attività lavorative subacquee e iperbariche" (2751)
(presentata il 26 novembre 2014, annunziata il 28 novembre 2014)


(pagina 3)

... "Bisogna tenere conto che il mondo del lavoro e la situazione territoriale nei quali può operare la figura professionale del sommozzatore industriale vanno oltre i limiti regionali e nazionali e quindi, per sostenere la mobilità professionale delle persone, i percorsi formativi sviluppati nel settore devono seguire il percorso indicato dalle regole della formazione nel settore industriale. Mentre in Italia è l’Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori (ISFOL) che declina le competenze necessarie dell’operatore che opera in ambito portuale ai fini dell’adozione di un piano didattico per una formazione adeguata, in ambito offshore questa formazione deve essere organizzata in coerenza con le tre tipologie di standard presenti in ambito internazionale:

1) gli standard formativi stabiliti dall’International Diving Schools Association (IDSA) che rappresenta l’unica associazione didattica nella subacquea industriale a livello internazionale, così come in ambito sportivo abbiamo diverse didattiche PADI, CMAS, SSI e altro. È interessante sottolineare che corsi formativi nazionali, come quelli provenienti dagli Stati Uniti d’America o dal Canada, fanno sempre riferimento alla didattica dell’IDSA che, a livello mondiale, ha elaborato delle regole per la formazione nel settore inshore e offshore in base a una più che quarantennale esperienza, desunta dalle scuole che aderiscono a tale Associazione a livello mondiale;

2) gli standard operativi (dall’International Marine Contractors Association (IMCA), applicabili nel cantiere (in essi rientra anche la citata normativa UNI 11366 sulla sicurezza e tutela della salute nelle attività subacquee ed iperbariche professionali al servizio dell’industria – procedure operative;

3) gli Standard di sicurezza dell’Health and Safety Executive (HSE) quali, per esempio, le norme HSE del Regno Unito. Solo la corretta applicazione di questi standard può garantire una maggiore spendibilità della qualifica del sommozzatore italiano a livello internazionale, riportando la categoria al livello che le spetta per la storia e per le competenze che la caratterizzano"...
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu